Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

VIDEO: Andrei ... nella valle Scannamugliera

di Domenico S. Antonacci

I ragazzi dell I.S. "G. T. GIORDANI" di Monte Sant'Angelo (LICEO CLASSICO III A, Team Borderline ASOC 2016-17) hanno realizzato un simpatico video per raccontare la storia di uno dei sentieri più importanti del Gargano, "Scannamugliera", via che da sempre collega Monte Sant'Angelo a Manfredonia (e ancora prima a Siponto).
Un video che descrive le fasi del recupero della via e anche il pericolo che la stessa cada di nuovo nell'abbandono insieme ai siti storici di notevole importanza lungo il suo cammino come Jazzo Ognissanti (con le sue pitture) e Jazzo Santa Lucia, entrambi antiche chiese rupestri scavate nella roccia.
Bravi ragazzi, il futuro migliore parte da noi giovani!


Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

A Foggia sequestro area stoccaggio di migliaia di tonnellate di rifiuti speciali

A seguito di una intensa attività di indagine ed investigazione, militari dell’Arma appartenenti al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale Carabinieri in forza al Gruppo di Foggia hanno deferito all'Autorità Giudiziaria una persona tale A.F. classe 1943, originario di della provincia di Napoli, per gestione illecita di rifiuti in quanto sono stati riscontrati stoccati in un capannone e nelle aree un tempo adibite a serre, migliaia di tonnellate di rifiuti speciali (eco balle).

Le attività investigative hanno permesso di risalire al proprietario dell’area, un imprenditore agricolo della provincia di Napoli ma operante anche a Foggia al quale sono stati contestati i reati dovuti.
Tutto il sito, composto da terreni agricoli, capannoni e serre , in disuso, sono stati sottoposti a sequestro dai militarti per evitare che venissero stoccati altri rifiuti.
Le contestazioni formulate al denunciato sono di gestione illecita di rifiuti in violazione al D.lgs. 152/06.
L’attività odierna rientra nella pianificazione eseguita dal Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia per il controllo del Territorio e per la prevenzione dei reati ambientali soprattutto nella gestione dei rifiuti.
Dall'inizio dell’anno questa è il terzo sito sequestrato e per i quali vengono denunciati i responsabili eseguito dai militari del N.I.P.A.F.C. – Gruppo di Foggia .
Sono in corso altri accertamenti per individuare ulteriori responsabilità.-
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

A fine mandato "la presidenza Pecorella" spara le ultime cartucce

Leggi tutto
Infine.

A fine mandato "la presidenza Pecorella" spara le ultime cartucce.

Escono all'improvviso, come i conigli dal cilindro, i risultati del SAC Gargano (oltre ai segnali stradali che rimandano ai centri visita..chiusi):
34 tracce gps e un app che le conterrà.
Basti pensare che ogni escursionista esperto del Gargano ne ha almeno il doppio (di tracce)...questo giusto per percepire quanto sia "concreta" questa operazione a fine mandato, o forse quanto sia poco adatta la conoscenza delle reali esigenze di questo territorio.
Non è una questione di critica a tutti i costi, attenzione, ma si tratta di fare una valutazione oggettiva delle cose rispetto ai bisogni (che ci sono), dei cittadini e del "mercato" ma anche rispetto allo sforzo economico fatto. Quanto ci sono costate, ad esempio, queste 34 tracce gps?
Bisogna aggiungere che tra quei 34 ci sono sentieri fatti e tracciati già dal Consorzio di Bonifica del Gargano mentre il resto è costituito quasi del tutto da mulattiere utilizzate da agricoltori e pastori.
Altra riflessione: al turista cosa vogliamo offrire? Sentieri senza alcuna indicazione, tabella, spiegazione.
Ai camminatori mi rivolgo, anche a coloro che si sono riuniti qualche settimana fa al Parco: non facciamoci ancora prendere in giro.
Il Parco ci sta chiedendo di dire cosa non va in quei sentieri..ma cosa volete che non vada in strade frequentate tutti i giorni da lavoratori? O cosa volete che vada in sentieri escursionistici senza segnaletica?
Il tutto mentre è appena uscito (con il Parco in amministrazione straordinaria, gravissimo) un bando da 200.000 euro per attività didattiche sul triennio..un bando con dei requisiti d'accesso che paiono fatti a misura per qualcuno (scommettiamo...?) e con Pasqua di mezzo.
Ah, dimenticavo il bando per piazzare un giornalista con i soldi destinati Area Marina Protetta di Tremiti...i soliti "piccoli" escamotage.

Ha tutto il sapore di una grande presa in giro.
Totò diceva "ma mi faccia il piacere"

Marzo 2012 - Aprile 2017. GAME OVER.
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

I riti persi della settimana santa a Ischitella

di Gianluca Battista

Chissà quanti articoli avete letto in questi giorni sulla settimana santa...una montagna probabilmente. Se poi ci aggiungiamo quelli scritti gli scorsi anni, il volume delle fonti aumenta a dismisura.
Ma che ci posso fare, anche io devo dire la mia su questo evento. Tuttavia, dopo un certosino lavoro di indagine sui riti della settimana santa a Ischitella, sono riuscito, a recuperare qualche curiosità sconosciuta ai più.

Intendiamoci, non tutto sarà nuovo per voi. Un po qui e un po là troverete notizie già note, che avrete fatte vostre già da anni.

A conclusione della lettura di questo articolo sulla settimana santa di Ischitella (quella persa), potreste avere molte incognite....
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Luigi, 24 anni e pastore per vocazione: "Per il mio gregge ho rinunciato all'università"



di Lorenzo Scaraggi
Siamo a Carpino, in Puglia, sul Gargano. Luigi ha 24 anni e quando ne aveva 18 ha fatto una scelta radicale: fare il pastore come suo padre e suo nonno. "Dopo il diploma i miei genitori avrebbero voluto che mi iscrivessi alla facoltà di Veterinaria, ma sentivo che se avessi lasciato le nostre greggi sarebbe tutto scomparso nell'arco di pochi anni". Una scelta guidata anche da una visione innovativa della pastorizia, volta al biologico. Luigi aspetta che l'erba dei pascoli cresca in maniera spontanea, evitando l'uso di fertilizzanti, e per i suoi capi sceglie soltanto medicinali che non lascino residui nel latte o nelle carni. "Fare questo tipo di scelte - conclude - comporta più sacrifici e spese maggiori, ma io ho deciso di fare questo lavoro perché ho rispetto per la natura, per gli animali e soprattutto per gli uomini che mangiano i formaggi che produco"

Fonte Repubblica.tv
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!