Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Ortaggi liberati: cucina "verde" (e non solo) in Puglia

Cardoni (i polloni della pianta di carciofo), sponzali (i cipollotti), cime di fava, baccelli di fava, orobanche, ceci verdi, cime di zucchina, finocchio marino, frutti di cappero (da non confondere con i boccioli dei capperi) ed infine le microverdure di Puglia: sono i dieci prodotti raccolti per voi nell'edizione “Ortaggi liberati l'ebook” (la riedizione ampliata e corretta dei libri "Ortaggi liberati" e “Presi in ortaggio”). 
Potete scaricare l'ebook, è un file pdf, facile da sfogliare. A partire dall’indice potrete raggiungere i vari capitoli che compongono il libro e poi tornare all’indice cliccando sul logo BiodiverSO.
Se state pensando ad un regalo per Natale, vi abbiamo anticipato. Questo è per voi.

Scarica qui
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

VIDEO: Searching for Black Corals: the exploration of Isole Tremiti MPA


Isole Tremiti. Il Corallo Nero protagonista su “National Geographic”
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

VIDEO: Documentario su Bosco Incoronata


 Altro su www.lifeboscoincoronata.it
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Finanziamenti per le torri costiere dalla Regione Puglia

Aperte le procedure per attingere a circa 400 mila euro complessivi, presentando istanze e progetti entro lunedì 10 dicembre prossimo.

La Giunta della Regione Puglia, nella seduta del 29 novembre, ha approvato le Linee Guida per l’erogazione dei contributi previsti dall’art.34 della L.r. n. 44/2018 “Tutela delle Torri Costiere per il potenziamento e la qualificazione dell’accessibilità e fruibilità delle coste pugliesi”.

Potranno presentare istanza di finanziamento gli enti locali singoli o associati. Ciascun soggetto interessato può presentare, come singolo o in associazione, una sola istanza di finanziamento per un singolo intervento, pena la inammissibilità delle istanze presentate.

Nell'istanza il soggetto interessato dovrà dichiarare, a pena di inammissibilità:
– di possedere la disponibilità del bene oggetto dell’intervento di durata residua non inferiore a cinque anni attestata da un atto di concessione/consegna o, in mancanza, di impegnarsi ad ottenerla entro il termine previsto nel crono programma per l’avvio dei lavori;
– che il bene da valorizzare sarà destinato a finalità turistico/culturale pubblica;
– che l’intervento candidato a finanziamento non rientra nella disciplina dell’aiuto di Stato di cui all’art. 107, paragrafo 1, del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, perché l’attività cui è diretto non è economica e non incide sugli scambi fra gli stati membri.

L’istanza dovrà essere corredata, a pena di inammissibilità, da un progetto di valorizzazione che contenga una sintetica descrizione degli interventi da realizzare, un elenco delle spese da sostenere, unitamente ad un piano finanziario che espliciti l’importo del contributo richiesto e l’eventuale cofinanziamento sostenuto dal richiedente.

All’istanza dovranno essere altresì allegati il crono programma dei lavori, il titolo concessorio/consegna o la richiesta di concessione/consegna presentata, nonchè la documentazione relativa alla natura giuridica del richiedente (denominazione, sede, dati del legale rappresentante).
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Alcune curiosità dagli ex voto del Convento di San Matteo

Note curiose dalla collezione di ex voto del Convento di San Matteo Apostolo di San Marco in Lamis.

Una delle tavolette riporta una scena di cantiere in Germania con riportato nel testo "[...] accaduto in Germania sul baustello [...]"; baustelle in tedesco significa cantiere ed era un termine fatto proprio anche dai nostri emigrati.

L'altra tavoletta raffigura un uomo scampato a due orsi; viene indicata come località Cerignola ma l'episodio potrebbe essere anche avvenuto altrove (Molise o Abruzzo); poco verosimile la presenza di orsi a Cerignola a inizio '900.

Gli ex voto erano le tavolette votive che i fedeli donavano ai Santuari in ringraziamento per un (presunto) miracolo ricevuto in seguito a disgrazie/incidenti. Il convento di San Matteo ne custodisce una vastissima collezione.
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!