Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Gargano, boss liberi e omicidi ma per i giudici «non è mafia»

di Giovanni Bianconi,

L’ultimo (per ora) l’hanno ammazzato tre settimane fa, a fucilate; si chiamava Onofrio Notarangelo, aveva 46 anni. Dieci giorni prima era stato ucciso Vincenzo Vescera, 33 anni, a colpi di pistola, stesso cognome e stesso clan di Giampietro Vescera, 27 anni, assassinato a settembre, pure lui a revolverate. In mezzo ci sono stati il ferimento di un altro pregiudicato agli arresti domiciliari, e diversi incendi dolosi: una discarica, molte macchine e un aliscafo. «A Vieste colpiscono così, qui in città invece mettono le bombe», dice Piernicola Silvis, sessantaduenne questore di Foggia, spiegando la mafia del Gargano in cui s’è scatenata una vera e propria guerra. Con epicentro Vieste, 14.000 abitanti che nel 2016 ha raggiunto due milioni di turisti attirati dal mare, dal clima e altre attrazioni. Che portano tanti soldi e scatenano appetiti criminali. Silvis è anche un affermato scrittore di thriller; nell’ultimo, Formicae, ambientato in quest’angolo di Puglia, ha dedicato alcune pagine alla descrizione delle organizzazioni criminali della provincia; quella del Gargano, che vive di tangenti imposte alle strutture dove in estate si affollano «mucchi di gente in costume da bagno e macchina fotografica a tracolla»; i cerignolani che fanno rapine da film in tutta la penisola; la Società foggiana che traffica in droga e estorce il «pizzo» all’ottanta per cento dei commercianti in città. «E nessuno nel Paese ne sa niente, i giornali tacciono. Perché Foggia è padre Pio, è il Gargano. Deve essere questo, nient’altro», scrive il questore-romanziere. Come se ci fosse voglia di negare una realtà che, proprio a Vieste in queste settimane, uccide come niente fosse.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

"Genuino Clandestino", storie e vite di coltivatori, allevatori, pastori e artigiani che difendono la libera lavorazione dei prodotti


Decine di coltivatori, allevatori, pastori e artigiani si uniscono nell’attacco alle logiche economiche e alle regole di mercato cucite sull’agroindustria, per difendere la libera lavorazione dei prodotti, l’agricoltura contadina, l’immenso patrimonio di saperi e sapori della terra.

Da questa rete nasce la campagna “Genuino Clandestino”, con donne e uomini da ogni parte d’Italia che si autorganizzano in nuove forme di resistenza contadina.

Mentre la burocrazia bandisce dal mercato migliaia di piccoli produttori, il consumatore continua a subire, spesso inconsapevolmente, modelli di produzione del tutto inadeguati a garantire genuinità ed affidabilità dei cibi.

Attraverso il lavoro, le situazioni e le voci dei contadini “clandestini”, insutv racconta questa campagna, semplice nel suo messaggio, ma determinata nelle sue forme, insieme alle implicazioni in materia di democrazia del cibo, sviluppo economico, salvaguardia dell’ambiente e accesso alla terra.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Storie di Attraversamenti - Daunia Land Art



Da 60 passi napoletani di larghezza e 200 chilometri e più di percorsi tratturali, a 102 paesi e città, un viaggio lungo tutta l’Italia che ‘fiorisce e sparisce’ per raccontarvi Storie di Attraversamenti.
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Finanziamenti per enti: Realizzazione di interventi di tutela e valorizzazione della biodiversità terrestre e marittima.

Con determinazione dirigenziale n. 493/2016, si approva l'invito, rivolto ad enti ed amministrazioni interessati, a manifestare interesse per la realizzazione di interventi di tutela e valorizzazione della biodiversità terrestre e marittima.
Il provvedimento è pubblicato nel Bollettino ufficiale regionale n. 9 del 19 gennaio 2017.
Le proposte progettuali devono essere presentate entro il quarantacinquesimo giorno a partire dalla pubblicazione dell'avviso nel suddetto Bollettino.

Articolo 1 - Obiettivi dell’Avviso
[...]
Esempi di operazioni finanziabili della suddetta Azione:
– Interventi di recupero, ripristino e gestione delle zone umide sia naturali che degli invasi artificiali;
– Interventi di conservazione della flora e degli habitat di interesse comunitario (anche in continuità
con le metodologie applicate nel progetto GRASTEPP);
– Interventi di conservazione per le specie di interesse comunitario anche prioritarie , ai sensi delle
Direttive 2009/147 e 92/43, presenti in Puglia;
– Interventi per la gestione delle specie aliene favorite dai cambiamenti climatici
– Azioni di conservazione e gestione degli habitat marini (es. posidonieti e coralligeno) e azioni di
conservazione e riduzione del disturbo antropico lungo le spiagge (Fratino, Caretta caretta,
ecc.).


Articolo 2 - Enti Beneficiari
I soggetti beneficiari del presente avviso sono esclusivamente:
– Enti gestori delle Aree Naturali Protette;
– Enti e Amministrazioni pubbliche in forma singola o associata.

Articolo 3 - Risorse disponibili
Si rende disponibile per il presente Avviso l’importo di Euro 9.000.000,00. Il finanziamento concedibile a ciascun soggetto proponente è fissato in € 300.000,00 se partecipante in forma singola ed in € 700.000,00 per Enti e Amministrazioni che partecipano in forma associata.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

I riti del Sole nella valle dei dolmen

Leggi tutto

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!