Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Una Stele Daunia da Londra al Gargano - 24 agosto Castello di Monte Sant’Angelo


A Monte Sant’Angelo il reperto archeologico acquistato all’asta grazie alle donazioni del “popolo del web”

Arriverà giovedì sera nel castello di Monte Sant’Angelo la stele daunia messa in vendita a marzo da una nota casa di aste londinese e acquistata grazie al contributo di tanti cittadini che hanno partecipato alla campagna di crowdfunding della Fondazione Apulia Felix.
La fondazione, presieduta dal professor Giuliano Volpe, raccolse subito l’input di alcuni giovani attivi sul territorio, Domenico Moretti e Domenico Antonacci, facendosi carico di tutte le procedure tecniche e amministrative necessarie per riportare l’oggetto a Foggia.

Un ritorno quindi, quello della stele, forse “sfuggita” alle vie legali dell’archeologia per alimentare il mercato clandestino nel quale la provincia di Foggia riveste il triste primato di area maggiormente depredata dai cosiddetti tombaroli. Armati di scavatori e picconi, i criminali dell’archeologia devastano i siti archeologici della Daunia alla ricerca di materiali preziosi da immettere sul mercato, spesso in percorsi che li portano fuori dall’Italia, in Svizzera e poi alle case d’asta internazionali con tanto di documentazione che ne attesta la legittima proprietà. Un fenomeno gravissimo, tanto che si parla di archeo-mafie, verso il quale questa iniziativa vuole sensibilizzare la cittadinanza attraverso un tour della stele, prima esposta al museo archeologico di Herdonia in occasione della sua inaugurazione e ora a Monte Sant’Angelo.

In occasione della mostra della stele di giovedì 24, alle 19 sarà intavolato un dibattito tra il prof. Giuliano Volpe, Presidente Fondazione Apulia Felix onlus, la dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio BAT e Foggia, Michelangela Stefano, Comandante Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bari e Domenico Moretti, Presidente Centro Studi Storico Archeologici del Gargano e tra i promotori dell’iniziativa del crowdfunding; a moderare il giornalista Gennaro Tedesco.

L’evento, organizzato dal Centro Studi Storico Archeologici del Gargano in collaborazione con la Fondazione Apulia Felix e la Cooperativa EcoGargano, è sostenuto dal Comune di Monte Sant'Angelo e dal Parco Nazionale del Gargano.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Intervista al "pellegrino social" sul Gargano, Matteo Bergamelli

di Domenico Sergio Antonacci - 22/08/2017

Nella bellissima Abbazia di Santa Maria di Pulsano ho fatto qualche domanda al "pellegrino rosso", Matteo Bergamelli, giunto sul Gargano a piedi lungo la cosiddetta Via Francigena (una delle sue deviazioni, la via Micaelica).

Per lui un'esperienza di fede innanzitutto, fatta senza soldi ma solo confidando nel buon cuore delle persone incontrate...e poi i social network dove ha aggiornato costantemente i follower(s) tramite i suoi simpatici video e grazie ai quali ha trovato tanto aiuto.

Amaro constatare che c'è ancora tanto da fare per quanto riguarda la segnaletica sul Gargano, nonostante i tanti (forse troppi) convegni organizzati (anche di recente) sul tema Via Francigena.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

L'estiva sete di Foggia di Torquato Tasso


Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Come non gestire i beni culturali: Il Parco Archeologico di Monte Devio a San Nicandro Garganico



La conversazione potrebbe sembrare un fake per via dei suoi contenuti..ma potete andare voi stessi su Monte Devio per visitare il Parco Archeologico e gli esterni della Chiesa romanica....e testare di persona!


Quando si lascia il turismo all'improvvisazione...
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Quando Monte Sant'Angelo era come Matera


Il progresso ha cancellato tante tracce della antica storia di Monte Sant'Angelo (è comune il pensiero che la cittadina garganica fosse molto simile a Matera con i suoi sassi) ma nonostante ciò oggi ci ritroviamo ancora con un grande patrimonio tra le nostre mani.
Il seguente saggio è tratto da "Abitazioni rupestri e grotte dei cordari a Monte Sant'Angelo nel 1960", Atti Spelaion 2007-

Buona lettura (cliccate sulle immagini per ingrandirle).




Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!