Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Studio di Previsione e prevenzione dei rischi sul territorio, Mattinata

Non posso affermare con certezza che Mattinata sia l'unico comune garganico ad essersi dotato di un serio Piano di protezione civile comunale, ne sono quasi sicuro ma anche pronto ad essere smentito (anzi me lo auguro!).
Di cosa si tratta? E' uno studio sui "rischi del territorio" e sulle azioni per fronteggiare gli "eventi calamitosi" attesi nel territorio comunale, in modo da garantire l'effettivo ed immediato impiego delle risorse necessarie al superamento dell'emergenza ed il ritorno alle normali condizioni di vita.

Quali sono i "rischi del territorio" e gli "eventi calamitosi"?
Terremoti, nubifragi, frane, epidemie, incidenti umani di grossa portata, incendi e persino gli atti terroristici (l'elenco sarebbe molto lungo, per chi fosse interessato a fine post il link per scaricare l'intero documento ufficiale).
Lo studio, come è giusto che sia, è corredato da schede tecniche, dati scientifici, immagini e foto satellitari in grado di descrivere nei minimi dettagli i rischi che corre il comune di Mattinata; una delle sezioni più importanti ed interessanti secondo me è quella che riguarda il rischio dei terremoti: come ben sappiamo lo sperone d'Italia è "un'area calda", Mattinata inoltre si trova (insieme a Monte Sant'Angelo, San Giovanni R. e San Marco in L.) sulla famosa faglia che "divide in due" il Gargano. Un piano del genere sarebbe auspicabile in tutti i comuni del Gargano, che non si pianga dopo sul latte versato...il rischio terremoto è tutt'altro che lontano purtroppo. Prossimamente un post sulla cronologia dei grandi terremoti passati in Capitanata.

Qui scaricate l'intero pdf dello studio del comune di Mattinata

Aggiornamento:
Esercitazione regionale contro rischio idrogeologico e idraulico
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati