Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Opillopillopì

 

Serie di strofe politiche cantate negli annii su una melodia del repertorio di Luigi Stifani. La versione qui proposta è quella pubblicata dagli Aramirè nel cd "Vent'anni e più di..." del circolo Gianni Bosio di Roma e riapparsa recentemente ne "Il ritorno della taranta. Storia della rinascita della musica popolare salentina" (Squilibri, Roma, 2009) di Vincenzo Santoro.
La voce femminile che coadiuva gli Aramirè nell'esecuzione è quella di Anna Cinzia Villani.

O pillo pillo pì

Uè caru Pascalinu, uè caru nunnu Tore
lassati alli fiji vostri lu modu de pensare
e ttie caru Narducciu quante notti ca nu ddormi
percé li patruni toi te schiaccianu comu vermi
e tie caru Franciscu alla scola no' poi andare
percé se sai qualcosa allu patrunu li face male

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà
E non diciti sempre mundu era e mundu ete
sennò vu domandamu in Vietnam ce sta succede
ce sta succede in Cile, in Portogallo in Palestina
ce sta succede all'Africa e a tutta l'Indocina
lu mundu se riggira, lu mundu se ribbella
percé ci nu fatica face sempre la vita bella
lu mundu se ribbella, lu mundu se riggira
percé ci fatica, nu porta mai na lira

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

Lu 1970 è già passato
cantamu sta canzone per comu fu cantata
ma tocca cu decimo scusati amici cari
li problemi de allora su rimasti tali e quali
prima erano italiani costretti ad emigrare
osci su l'arbanesi ca traversanu lu mare
de lu Maroccu all'Africa lu Senegal Turchia
li poveri caminanu ca cercanu la via

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

Confrontu a sti disastri non me pozzu lamentare
ca a quista Italia nostra nu se more cchiù de fame
de libertà se parla se continua mò a parlare
la libertà al padrone si però de licenziare
se la Democrazia Cristiana non c'è chiui
'nc'è l'unto del Signore ca è scisu fino a quai
e sta sinistra è bona sulu face opposizione
ca cu ngarra na mossa pare tene lu terrore
cu ste televisioni nu' se nde capisce niente
programmi spazzatura scemuniscenu la gente

E quindi per finire ieu tocca cu vu dicu
aggiu giratu u mundu qualche cosa aggiu capitu
aggiu giratu u mundu aggiu visti fiacchi e boni
lu cchiù pesciu de tutti ete lu Sirvio Berlusconi!

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

.
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati