Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

L'araba fenice....

E' stato pubblicato l'elenco dei progetti dei Sistemi Ambientali e Culturali SAC. L'assessorato di Silvia Godelli ha lavorato puntualmente e, come scive Federico Massimo Ceschin, con un Bando ambizioso e progetti che richiedono tutti delle integrazioni, costituiscono un passaggio cruziale per valorizzare sistemi importanti della nostra regione. Sto riflettendo sul tema scelto dal progetto presentato dal Parco Nazionale del Gargano, l'unico a non richiamare toponimi, ambienti da vaolorizzare o da salvaguardare, luoghi suggestivi e itinerari. Il titolo molto suggestivo è invece: L'araba Fenice. Non lo conosco, quindi posso sbagliare, immagino possa essere un progetto per rilanciare la ricettività minore nei meravigliosi centri storici del Gargano. Mi chiedo però, perchè hanno scelto il titolo dell'uccello che risorge, la morte e la resurrezione...quale intenzione intima, si proporrà? Un progetto contro la caccia e i bracconieri in area parco? contro le recinzioni di filo spinato e i cancelli abusivi che bloccano i sentieri e le mulattiere? contro il taglio abusivo degli alberi? Un progetto contro l'abusivismo edilizio, la demoluzione delle villette di torre mileto? Un progetto per liberare gli accessi al mare con un piano delle coste, per diventare un pò più europei e meno accattoni? Un progetto per convincere i Comuni ed incentivare le ristutturazioni contro l'eccessivo consumo di suolo? Cosa potrà essere mai? un progetto per rilanciare i Centri visita, dare una sistemazione logica e univoca alle segnaletiche stradali per le mete importanti, magari predisponendo dei parcheggi indicati e adeguati? Con tanto di aree attrezzate per i camperisti e, soprattutto, con tanto di pista ciclabile, degna di questo nome che metta in collegamento le zone umide di Siponto con Lesina e Varano, per poi seguire la costa o arrampicarsi verso la Foresta Umbra? Per risistemare quella segnaletica della sentieristica in area Parco, in molti casi collocata non per essere studiata, ma ignorata? oppure persa su strade ad alta percorrenza di auto e mezzi pesanti? Sicuramente mi sfugge qualcosa, ma vorrei che il progetto, questo e i futuri, affrontassero almeno qualcuno di detti aspetti.

Gianfranco Pazienza
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati