Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Inaugurata la mostra delle steli daunie a Montecitorio, le parole di Fini

Avevamo parlato qui, solo qualche giorno fa, della mostra delle steli daunie a Roma.

La cultura è un settore portante della nostra economia, offre lavoro a centinaia di migliaia di lavoratori, professionisti, imprese». E' quanto ha affermato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, inaugurando la mostra «Pagine di pietra. I Dauni tra il VII e VI a.C.», nella sala della Lupa di Montecitorio.
«Questa iniziativa culturale - ha spiegato Fini - contribuisce a far conoscere al grande pubblico reperti antichissimi fino a ora noti solo agli esperti e agli appassionati di archeologia». «Ritengo - ha proseguito Fini - sia necessario potenziare la capacità delle sovrintendenze di svolgere la loro missione di tutela del patrimonio archeologico e artistico.
Video 2
Video 3
Video 4
Video 5

Dal consolidamento della filiera cultura-turismo-sviluppo economico si può recuperare l'immagine dell'Italia come Paese attrattivo sui mercati internazionali e si può creare ricchezza nel Sud consentendo a tanti giovani, non solo laureati, di restare nella zona di origine e promuovere il benessere delle comunità locali. Ed è con questa consapevolezza che la Camera dei deputati intende proseguire nella sua attività di promozione dell'inestimabile patrimonio storico, archeologico e artistico dell'Italia».  «Il turismo culturale - ha continuato il presidente della Camera - con la scoperta di località meno note al grande pubblico può integrare, secondo un principio di complementarità, l'offerta turistica tradizionale». In tal senso, Fini ha sottolineato che «il patrimonio storico e archeologico della regione Puglia e dell'Italia meridionale, pur essendo ingente e importante, non è ancora sufficientemente conosciuto a livello nazionale e, ancor di più, a livello internazionale. Si tratta di un ritardo che è possibile recuperare sia sul fronte della collaborazione interistituzionale, sia consentendo alle imprese culturali e turistiche di fare sistema sviluppando un progetto comune condivisibile da tutte le regioni del Mezzogiorno d'Italia».

Fonte: corrieredelmezzogiorno.it 

Fotografie della mostra
Altro
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati