Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Lavori di tutela e valorizzazione della necropoli paleocristiana di Monte Pucci

Necropoli di M. Pucci
Il comune di Vico del Gargano sta procedendo all'affidamento dell'incarico per l'esproprio dell'area della necropoli di Monte Pucci per creare un percorso di fruizione turistica del bene culturale.
La necropoli di Monte Pucci è una delle numerose del Gargano, la seconda di Vico del Gargano dopo quella di Monte Tabor (senza contarne altre più piccole e meno note)

Conosciamo meglio la necropoli:

In località Calenella, compresa nel territorio di Vico del Gargano, sorge la torre cinquecentesca a picco sul mare, sistema utilizzato per l’avvistamento e la difesa dagli assalti dei barbari che giungevano via mare e dei Turchi.
Essa appartiene ad una serie di Torri Saracene  costruite lungo la costa pugliese, in punti strategici in modo da rappresentare nel loro insieme un complesso fortificato continuo di vedetta ed allerta alla popolazione locale.
A Monte Pucci,  sorge  inoltre anche una necropoli risalente al periodo paleocristiano. Il ritrovamento di alcuni oggetti, tra cui dei lumi ad olio di  terracotta ed alcuni vasi in vetro con chiari simboli cristiani, fanno pensare al periodo compreso tra l’età costantiniana e l’età carolingia. Questo luogo rappresenta una testimonianza  degli antichi usi della vita cristiana e funeria delle popolazioni garganiche, che vivevano nelle caverne sparse lungo la costa. Inoltre esso ebbe anche funzioni di romitorio. Sul lato occidentale di Monte Pucci, si possono osservare delle ampie grotte sepolcrali, spesso ingrandite dopo aver scavato nel calcare del monte. Ogni ingresso di queste cavità, è rivolto al tramonto del sole, ed a volte lo precede un corridoio d’entrata ricavato nella pietra.
La necropoli è attraversata dalla strada statale n. 89. Essa era spesso adibita, al rifugio temporaneo delle mandrie fino ad epoche non lontane. Ciò ha causato molti danni irreparabili, che hanno portato alla distruzione delle nicchie ad arco alle pareti e di alcuni loculi sotterranei, su cui a volte sovrastavano dei baldacchini.
*



Info:
http://www.studiok.it/comuni/vicodelgargano/tmp/c95i66bri15d2p4ohbm7csn9h6_mes00000003652011_643_000066.pdf

http://www.studiok.it/comuni/vicodelgargano/tmp/c95i66bri15d2p4ohbm7csn9h6_mes00000003662011_619_000067.pdf

http://www.studiok.it/comuni/vicodelgargano/tmp/c95i66bri15d2p4ohbm7csn9h6_mes00000003662011_619_000067.pdf

http://www.studiok.it/comuni/vicodelgargano/tmp/c95i66bri15d2p4ohbm7csn9h6_mes00000003692011_642_000065.pdf

Segnalazione di Antonio Basile


*Mi scuso con l'autore del testo e della foto che non riporto per non conoscenza (nel file che avevo salvato sul pc non ho riportato per errore l'autore); farò una rettifica appena riceverò una segnalazione.
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati