Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Ferrovie del Gargano non avrà più la corsa per Bari, Fs riduce le corse verso il Nord

I treni sui quali viaggeremo nel 2012
Da dicembre i primi effetti dei tagli del Governo alle risorse destinate al trasporto pubblico locale.
Dopo i voli, in Capitanata è a rischio anche il trasporto ferroviario. Dal prossimo 11 dicembre saranno annullati i collegamenti ferroviari San Severo- Foggia – Bari.
Trenitalia ha, infatti, revocato l’accordo di servizio a Ferrovie del Gargano. E’ il primo effetto dei tagli imposti dal Governo centrale e contro i quali le Regioni hanno annunciato la riconsegna delle deleghe sul trasporto. La soppressione del collegamento San Severo – Foggia – Bari creerà non pochi disagi ai pendolari, che saranno costretti ad attese e cambi di mezzi. Il segretario della Faisa Cisal, Antonio Vivoli, sindacato autonomo degli autoferrotranvieri, temendo ripercussioni anche sui livelli occupazionali, ha chiesto un incontro all’assessore regionale Minervini. Ma la Regione potrà ben poco, probabilmente, visto che è alle prese con tagli imposti al trasporto pubblico locale, che si aggirano intorno al 40%.

Sulla tratta San Severo Foggia c’è un progetto di Ferrovie del Gargano, per l’acquisto dei binari, cosiddette tracce, e che permetterà di collegare la città dell’Alto Tavoliere, Apricena, San Nicandro a Foggia. Ma i tempi sono lunghi, ci vorranno dai tre ai cinque anni. La situazione complessiva su tutta la rete dei trasporti pubblici locali si presenta difficile.Secondo la Filt Cgil sono in arrivo tagli anche sulla tratta Foggia – Potenza, e su tutte le fasce notturne delle linee interne. Ridimensionamenti subiranno per esempio, i collegamenti notturni, come il Lecce – Milano, tra i più fruiti dalle fasce sociali più deboli, operai, pendolari settimanalmente in trasferta per raggiungere i posti di lavoro. A risentirne, dice Giovanni Occhiochiuso della Filt Cgil, sarà l’intero indotto, con tagli ai livelli occupazionali soprattutto nel settore dei servizi a bordo, e naturalmente l’intera mobilità. Dopo quella sui voli, una nuova mannaia che si abbatte sulle capacità di crescita e sviluppo del territorio.

Fonte: Teleblu
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

1 commento:

  1. Il sud sempre più abbandonato a se stesso.Intere zone si stanno spopolando per mancanza di lavoro e di servizi.Una di queste è il Gargano Nord.

    RispondiElimina

I commenti offensivi saranno cancellati