Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

I pellegrinaggi a piedi dai vari punti cardinali verso la Basilica di San Michele Arcangelo

Foto di Angelo Torre
La direzione dei Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo comunicano che quest’anno si è riusciti a coordinare i vari pellegrinaggi che a piedi raggiungono il santuario micaelico garganico la mattina del 29 settembre.
Quest’anno i pellegrinaggi che raggiungeranno il santuario partiranno dai vari punti cardinali per sentirsi un popolo in cammino che converte verso la grotta-basilica di San Michele che ci indica la strada della nostra Salvezza che si manifesta in segni misteriosi che ha volte sono indecifrabili.
I pellegrini raggiungeranno una umile grotta che è un luogo religioso santificato dalla presenza di San Michele e riconosciuto dagli uomini come luogo per l’incontro umile del grande creatore che ci ama.
Quest’anno ha un connotato particolare perché L’UNESCO lo ha riconosciuto come un sito di importanza mondiale perché esprime la fede, la cultura, la storia e il sentire di intere generazioni e ha ancora un messaggio da diffondere all’umanità.
I Padri Micheliti voglio invitare quanti hanno in animo di fare un pellegrinaggio a piedi verso la grotta angelica nella notte tra il 28 e il 29 settembre di aggregarsi ad uno dei pellegrinaggi organizzati in modo da esprimere visibilmente la comunione dei credenti e anche dei non credenti, ma che vogliono vivere questo intenso momento. Sarà un bel momento di crescita spirituale e umana che vi rimarrà nel cuore e farà crescere in voi un seme di pace e di speranza.

Il cammino notturno potrà aiutarvi anche a vedere la vostra vita che dalle tenebre si apre alla luce, ma potrebbe gustare anche la bellezza della natura garganica oltre la santa amicizia che si sviluppa nel camminare insieme.

Per quest’anno i pellegrinaggi saranno tre che partiranno da San Marco in Lamis ad ovest, quello di Vieste da nord e quello di Manfredonia da sud, si auspica anche un pellegrinaggio da Mattinata in modo da averlo anche da est.

Il pellegrinaggio di San Marco in Lamis è coordinato dalla Confraternita di San Michele di San Marco in Lamis, partirà alle ore 0,00 del 29 settembre 2011 davanti la Chiesa Madre di San Marco in Lamis, il pellegrinaggio ha un forte connotato penitenziale di preghiera. Il pellegrinaggio è interamente a piedi per circa 35 km. da San Marco in L. a Monte Sant’Angelo sul tracciato della Via sacra Langobardorum, ora parzialmente sulla SS 272. Non necessita iscrizione, per informazioni sulla logistica e altro tel. 3294270135 (Maurizio), tel. 0882-834509 (SMiL) oppure presso il sito www.facebook.com pages/La-Cumpagnia-di-San-Michele, o anche presso la Confraternita di San Michele Arcangelo.

Il pellegrinaggio di Vieste è organizzato dal Sovrano Ordine dei pellegrini di San Michele Arcangelo del Gargano di Vieste e partirà alle ore 01,00 dalla Basilica Cattedrale di Vieste, dopo un breve percorso con pullman si proseguirà a piedi per circa 27 km attraverso la Foresta Umbra e i pianori garganici nel Parco Nazionale del Gargano fino a Monte Sant’Angelo. E’ previsto il rientro in pullman. (C’è anche un gruppo che fa tutto il percorso a piedi, ma parte alcune ore prima.) Le prenotazioni obbligatorie possono effettuarsi presso la sede dell’Ordine dei pellegrini in Via Petrone 6 a Vieste e le informazioni si possono avere al tel. 340.8311796 - 328. 3171035 - 340.1700219.

Il pellegrinaggio di Manfredonia (“La Marcia degli Angeli” 1° Pellegrinaggio per la Pace, a piedi da Manfredonia a Monte S. Angelo) è organizzato dalla Confraternita di San Michele arcangelo di Manfredonia e partirà alle ore 00,30 dalla Basilica di Siponto (Manfredonia), il percorso a piedi sarà su strada asfaltata e alcune scorciatoie per circa 22 km fino a Monte Sant’Angelo, per arrivare alla meta bisognerà salire il dislivello di circa 800 m. che divide il mare dalla cima del monte. Il pellegrinaggio avrà un connotato di preghiera e di ricordo storico del primo pellegrinaggio fatto alla grotta angelica oltre 15 secoli fa dal vescovo di Siponto, mons. San Lorenzo Maiorano, e dai sipontini. Le prenotazioni e le informazioni sulla logistica e altro si possono avere presso fareverde.capitanata@libero.it

L’arrivo previsto a Monte Sant’Angelo è per mezzogiorno circa, in modo da poter partecipare alla Santa Messa del pellegrino, il rientro nei luoghi di partenza è diversificato dai vari pellegrinaggi e si consiglia di prendere contatti con i referenti dei vari paesi.

Si raccomanda a tutti i pellegrini di avere: un ‘cuore’ disponibile all’ascolto e al silenzio; torcia luminosa a batteria; giubbotto catarifrangente delle auto (il pellegrinaggio di San Marco prevede già una casacca del pellegrino con fasce catarifrangenti); scarpe comode; zainetto con un po’ di cibo e acqua; vestiti a “cipolla”; un ombrello in caso di pioggia; un bastone.

I Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo (FG, Italia), tel: +390884561150, fax: +390884568126, info @ santuariosanmichele.it, sono disponibili per tutte le informazioni in merito.

Altre informazioni qui
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati