Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

La leggenda dell'antica città sommersa di Santa Pelagia e San Nicolao de Petra

Torre Pietra. La tradizione popolare vuole che sul fondo del golfo di Manfredonia sia sprofondata un’antica città, che risalirebbe al IV secolo d.C.
Gli studiosi frenano sebbene l’importanza dei beni sommersi sia indiscutibile. Sino ad ora era stata considerata soltanto come una leggenda, ma il paese sommerso nel mare di Manfredonia potrebbe rivelarsi reale. Le vicende di Santa Pelagia, la città sommersa nei fondali di Zapponeta e Torre Tivoli, si arricchiscono di nuove informazioni. La leggenda incominciò a diffondersi nel IV secolo d.C. alla morte di suor Pelagia, la quale indicò in sogno a Simplicio, settimo vescovo sipontino, il posto esatto dove edificare la chiesa. Intorno ad essa ci sarebbero stati diversi edifici per i pellegrini, ma nell’anno Mille, forse per via di un sisma, sarebbe scomparsa ogni traccia del complesso.
Per, neanche la scoperta di monete e anfore nel mare del leggendario agglomerato urbano ha convinto gli esperti della reale esistenza di quella città. Anche secondo la famosa ricercatrice Catherina Delano Smith, che durante gli anni Settanta del XX secolo ha curato il libro Terra, vita e mutamenti sulle coste del Tavoliere, le garanzie sono troppo deboli.
Testimoni di alcuni ritrovamenti sono i pescatori che da diverso tempo pescano nel golfo basolati, possibili segni di una città sommersa


La zona di Torre Petra indicata con il segnaposto
 La zona è stata soggetta a erosione e sprofondamento anche dopo il IV secolo, come vediamo nel caso della zona di Torre Pietra, molto vicina a quella di Torre Rivoli.
Traeva il suo nome dal fatto che di fronte a sé, verso il mare, c'era il promontorio di San Nicolao de Petra, ovvero un sito costiero che via via nei secoli, per la lenta erosione marina, è divenuto isola per poi inabbissarsi definitivamente (nei mesi primaverili e autunnali, col mare calmo, è infatti possibile distinguerne i resti sui fondali).
Questo tratto di costa è sempre stato storicamente molto importante: prima con San Nicolao de Petra, che diede i natali a S. Ruggiero, patrono di Barletta poi, una volta cominciata l'erosione (XIII° secolo), il centro medioevale, sede anche di un monastero, fu spostato verso l'interno, ma anche questo non bastò, costringendo a spostare la torre laddove oggi la vediamo, e dove certo è ancora preda dell'erosione.
Anche Torre Pietra, come le altre torri, aveva funzione di avvistamento e segnalazione dei pericoli provenienti dal mare, di fortificazione, ma anche doganali e di controllo delle acque del lago Salpi. Attualmente è in stato di completo abbandono.
La macchia scura è esattamente nella zona antistante la Torre Pietra
Fonte: antika.it
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati