Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

"La mafia innominabile", le mie impressioni sul libro che racconta la mafia del Gargano

Per un fazzoletto di terra c'era qualcuno anche pronto ad ammazzare. Proprio in Puglia, in quel Gargano ribattezzato "Promontorio della paura". Una sanguinosa scia di decine e decine di efferati omicidi, di tentati delitti e di vari casi di lupara bianca. Storia antica, ma non troppo. Se il tuo mestiere è quello di fare il magistrato, occuparsi di mafia è come respirare sott'acqua. Non puoi farlo perché non hai le branchie, ma devi trovare il modo per emergere, per affrontarla, per non morire sottofocato." – scrive Seccia nel suo libro. E ancora... "C'era un tempo in cui la mafia garganica non esisteva. Bisognava vincere la credenza che fosse una magia, popolata dal potente di turno che impone il suo comando, la sua forza e la sua violenza. Non esisteva perché tutti la negavano. Anche i Magistrati che se ne occupavano. Una faida come le altre. La mafia garganica, però, esisteva, eccome. Ammazzava ed ammazza.

Il testo evidenzia la violenza e l'efferatezza con cui si sono commessi gli omicidi: cadaveri gettati nelle grotte del Gargano, famiglie intere date in pasto ai maiali, bambini uccisi, sfigurando in volto a colpi di fucile le vittime, in un gioco perverso di botta e risposta tra le famiglie avversarie. No, non è un film, è un sistema tutt'ora vivo tra di noi.
Emerge il ruolo determinante delle donne nella lotta al sistema mafioso, Rosa Di Fiore e la signora Alfieri, stufe di vedere massacrate le proprie famiglie, spinte dall'amore per i propri figli che cercano di proteggere a tutti i costi fino a collaborare con lo Stato.

Due critiche negative:
sembra un lavoro incompleto, mancante in molte parti (non sono citati molti omicidi che fecero scalpore) ed inoltre a volte la lettura può diventare quasi snervante a causa dei periodi cortissimi e delle punteggiature che si susseguono a breve distanza, quasi in un'elencazione pura dei delitti (comunque il libro è di sole 160 pagine e si riesce a leggere anche tutto d'un fiato).
D'altra parte penso che l'obiettivo centrale sia stato raggiunto:
creare una consapevolezza del fenomeno nel lettore; io stesso non conoscevo le varie dinamiche degli scontri tra le famiglie ma sono riuscito a capire molte cose aumentato, al tempo stesso, la mia percezione del fenomeno, molto più vivo e presente..e vicino a noi..di quanto pensassi.

Il libro è diviso in 11 capitoli, eccone una breve descrizione:
La faida e la mafia, tratta della difficoltà degli scorsi 30 anni di chiamare "mafia" in fenomeno detto impropriamente faida, quasi a sminuirne la gravità.
L'origine della mafia garganica: la prima mattanza, il secondo capito, una sequenza di omicidi dal principio, negli anni '70; i primi contrasti tra la famiglia Li Bergolis e Primosa.
La seconda mattanza, racconta la seconda fase, fino al 2000, con la definitiva "vittoria" dei Li Bergolis sull'altro clan di Monte Sant'Angelo dei Primula-Alfieri.
Orti Frenti e La guerra dei maggiorenti, sull'inaugurazione del nuovo scontro dei Li Bergolis con i Romito di Manfredonia; i primi cercano di dominare sul mercato di droga ed estorsioni della città sipontina cercando un'alleanza con i Romito, i secondi, attraverso la collaborazione con i carabinieri incastrano i Li Bergolis; avviene l'omicidio del capostipite Ciccillo Li Bergolis nella sua Masseria di Monte Sant'Angelo.
La Mafia di San Nicandro Garganico, capitolo che apre la seconda parte del libro con lo scontro efferato tra i Ciavarrella ed i Tarantino che si contendono il dominio sul narcotraffico.
Nasce una speranza: una donna coraggiosa, forse il mio capitolo preferito; il libro assume un linguaggio più narrativo (in precedenza a tratti si trasforma quasi in un semplice elenco di omicidi, uno schedario) e racconta la figura chiave di Rosa Lidia Di Fiore, non anticipo altro!
La narrazione si sposta sulle persone, sugli esempi positivi di chi non si arrende e non soccombe alla mafia,  nei due capitoli successivi, I gesti della mafia e I volti.
Vieste, un capitolo "deludente" per me...si sarebbe potuto parlare di tante altre cose cose...approfondire rapporti tra turismo e mafia..ma forse ci sono indagini in corso e ci si è limitati ai meri fatti.

L'epilogo è fiero ed orgoglioso, Dobbiamo farcela...



Testo di Domenico S. Antonacci

Se vi è piaciuto questo post condividetelo usando i bottoni a sinistra e nella barra che scorre dall'alto
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati