Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

La regione lavora sugli itinerari del patrimonio della civiltà rupestre

PROGETTO INTERREGIONALE DI SVILUPPO  TURISTICO  “ITINERARI INTERREGIONALI  TRA  SITI  E  VILLAGGI  DEL PATRIMONIO  DELLA CIVILTA’RUPESTRE” 

Il progetto consiste nell'individuare e realizzare una serie di itinerari che coinvolgano le  regioni Puglia e Basilicata, in funzione di specificità culturali ed ambientali legate ai popoli che hanno vissuto in questi luoghi ed attivare un network articolato e composito tra attori del territorio e risorse, finalizzato alla valorizzazione delle gravine, delle necropoli e del paesaggio rupestre in generale in un'ottica di integrazione  e  di  qualificazione  dell’offerta  complessiva  delle  aree  di  beni  storico-culturali  e naturalistico-ambientali. 


La  valorizzazione  dei  percorsi  rupestri  diventa  un modello  di  riferimento  per  trasformare  il  Patrimonio Culturale, Umano e Spirituale in una esperienza “Emozionale” che racchiude in sè  un modo nuovo di relazionarsi con il territorio. Il viaggio si trasforma in esperienza diversa da vivere in una terra unica. Non soltanto visite ai siti, come comunemente avviene, ma i luoghi  che  con  l’aiuto  di  supporti  multimediali  si  raccontano  e  in  un interscambio  con  il  visitatore creando il legame tra storia e presente.

Tra i comuni dove la Regione Puglia ha individuato un habitat rupestre vi sono Accadia, Bovino, Cagnano Varano, Ischitella, Vico, Vieste, Manfredonia, Mattinata e Monte Sant'Angelo.

Ovviamente ci sono habitat rupestri anche in altri comuni della provincia ma questi sicuramente sono, per adesso, quelli più importanti dal punto di vista storico e paesaggistico.

Per saperne di più leggi qui
Altre info sul bando di gara qui
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati