Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Purtroppo non si parla più in dialetto..di antico non sai nulla, manco un detto.

Un’amara considerazione

Purtroppo non si parla più in dialetto
Di antico non sai nulla... manco un detto.
E ti vergogni pur dell’inflessione
Scordandoti che acquànne eri uagnòne...
Oppure peccenùnne... e jìre cùrte...
Senza volè scappava... u chidèmmurte...
Parlavi sempre come tu mangiavi
Eri barese... e non ti vergognavi...
Tu or parli forbito... eppure in modo strano
E godi se ti dicon... uagliò tu sei toscano?
Adà respònne nòne!... lo giuro sò barèse
E’ questa la mia lingua... non sono giargianèse.
Mo jè cavà seccède!... mo jè chiagastemà...
Le muèrt del duemila... e la modernità.
E i nomi di battesimo?... a me mi fan paura!
Asia, Chanel, o Giorgia... Samanta oppure Scura...
Nemmeno ce tu pàghe... iàcchie na... Nicoletta
Ne Chiara , mànghe Rosa... nemmeno Felicetta.
Dò sà cangiàte u mùnne... non si capisce niente
Non riesci a dialogare... con la tua stessa gente.
La gende parle inglese... e accùme a le crètine...
Se scrivono lo fanno... a tipo messaggino.
Se scrivi t.v.b... vuol dir ti voglio bene...
Tu parli in italiano... ma mò da dò te vène?
Si comprano i vestiti... ma come gran signori
Solo capi firmati... da dentro e anche da fuori.
Son demoralizzato... nel cuore ci ho una fitta
Però mi debbo stare... boccaccia mia stai zitta!
Volete l’italiano... or ci proviamo un poco
Un pò per dimostrare che io sò stare al gioco.
Naturalmente... ma senza far del male...
Mi piace dedicarvi... almeno un madrigale.
Questa scrittura potrà sembrar leziosa
Ma se vai avanti... è tutt’un’altra cosa...!
Dirò di personaggi... che tu conosci bene
Di lor dirò gli amori... difetti e anche le pene.
Le dame e i cavalier... lo giuro sono assenti...
Potreste riconoscer qualcuno dei presenti...
Potrebbe capitare... che ci sia anche tu...
Del quale andrò a narrare... i vizi e le virtù!
Di quel che leggerai... qualunque cosa sia
Tu credimi senz’astio... ma sol per ironia!
Se il libro ti è piaciuto... ti chiedo una sol cosa
Tu parlane, raccontalo... in rima oppure in prosa.
Se invece disgustato... parlarne tu non vuoi...
Fammìue stù piacère!... fatti gli affari tuoi!
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati