Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

VIDEO - La RAI torna a parlare di Lucera e della fortezza di Federico II

da adessoilsud.it

La RAI torna a parlare di Lucera. Non di tribunali, ospedali o presidi dello Stato che stanno lentamente andando via. Oggetto della discussione sviluppata nella trasmissione "Ambiente Italia", programma di approfondimento è questa volta il patrimonio culturale di Lucera e la condizione politico-amministrativa-lavorativa del centro federiciano. Il tutto nella cornice del sistema universitario italiano. [...]


[...] A me sembra pazzesco che in un paese come l'Italia uno che studi latino e greco non abbia le porte aperte. E' più normale studiare latino e greco invece che ingegneria aerospaziale no? Se sei nato in un posto del mondo in cui si parla “griko”, e dove le donne piangono ai funerali e si vestono di nero, proprio come nella tradizione classica e dove la tua casa affaccia sul castello di Federico II e se cerchi un po' tra le carte del paese trovi documenti in latino medievale che nessuno ha ancora tradotto mai, e che spiegano come funzionava il mondo dei nostri avi nel luogo dove grazie a loro ancora viviamo». La giovane, probabilmente attivista del Comitato Riscrivere la Storia… In dissesto, osserva:
«Il castello di Federico II è magnifico, la Torre della Leonessa è un posto che ti riconcilia con l'esistenza. C'è solo quel posto così al mondo, ce l'abbiamo solo noi. In America, in Giappone, in Norvegia, la torre della leonessa non c'è. Volevano metterci dei casoni dentro, l'anno scorso, puntellare la zona di scavo, costruirci non so cosa, un progetto della sovrintendenza generale. Capisce? 

Continua la lettura qui

La torre della Leonessa. La fortezza è tra le più grandi d'Europa.

Scopri anche la curiosa storia dei musulmani di Lucera,  link 1 - link 2

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati