Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Apulia, Madre Terra

Apulia,
odorosa di vento e sole e margherite gialle
ad ondeggiare
Madre terra,
come posso non piangere
nel ritrovarti e sapere
che più non mi appartieni?
Matrigna, come posso non
odiarti per la tua povertà?
Come posso dimenticare e
piantare le radici
in un altrove
che non sarà mai del tutto mio?
e non ho più te
e non ho alcun dove,
non so più se tenerti dentro,
o ripudiarti.


di Maria Lea Pettolino
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati