Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Lo schifo del concorso per i 31 posti al museo e all'ufficio turistico di Foggia

A tarallucci e vino...
L'ultimo bando della Provincia di Foggia è uno schiaffo a chi per anni si è formato nel settore dei beni culturali e del turismo.
Si elencano compiti specifici e specializzati come l'analisi della domanda e dell'offerta turistica, servizi di consulenza scientifica e didattica, promozione del territorio attraverso "forme articolate di comunicazione" etc etc per i quali non è richiesta alcuna laurea o dottorato (nemmeno valutate per i punteggi).
Il bando spunta sul web il giorno 19 giugno ma la scadenza della presentazione delle domande è fissata al 27 giugno.
Spicca anche la mancanza del requisito della lingua straniera; come si pensa di accogliere un turista inglese?

Il meccanismo di attribuzione di punti a seconda delle mensilità di lavoro ha una scala quasi esponenziale...insomma sembra davvero tutto fatto ad hoc per stabilizzare qualcuno....e si fa il nome della Diomede srl, una società partecipata dalla Provincia.

Ulteriore dubbio sollevato da un utente di facebook è il fatto che una Provincia commissariata possa, secondo legge, indire o meno un concorso (sto cercando riferimenti legislativi alla cosa e aggiornerò il post eventualmente).

Ma ci sono appena state le elezioni comunali a Foggia..........? Oppure la motivazione sarà nel fatto che ci sono, da quanto scrivono su varie bacheche di facebook, i parenti di politici tra i quali Pellegrino, Clemente e Pecorella?

Insomma, la solita schifezza all'italiana (per gli amici degli amici?). Intanto l'Università di Foggia continua a sfornare specialisti dei beni culturali senza un futuro.

E poi ci si sciacqua la bocca con l'esigenza di un aeroporto.

Solo una parola, VERGOGNA!



Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

9 commenti:

  1. cosa c'entra la nuova giunta comunale se si sono appena insidiati?Tecnicamente impossibile. Questa è roba dell'ex sindaco e del carissimo partito PD. Articolo da rifare. VERGOGNA!!

    RispondiElimina
  2. Il TOP è l'art. 8:

    Il colloquio, al quale potranno essere attribuiti massimo 10 punti, verterà sui seguenti
    argomenti:
    - Nozioni in materia di Testo Unico degli Enti Locali;
    - Principi in materia di Testo Unico dei Beni culturali.
    Il colloquio si intende superato se il candidato ottiene una votazione minima di 7/10.

    I due Testi Unici sono composti da centinaia di articoli. Come possono solo pensare che in poco più di dieci giorni i candidati possano saperli tutti? Ma ci prendono per scemi o cosa? Il colloquio si trasforma così in un vero e proprio esame di sbarramento (favorendo inevitabilmente le raccomandazioni e quant'altro), anziché dare fondamentale importanza ai titoli di studi, in primis Laurea in Beni Culturali, e alle esperienze lavorative in ambiti museali-turistici. In pratica si possono avere 3 lauree o anni di esperienza, e non essere presi perché non si conosce un articolo del Testo Unico! Che dire... ottimo bando. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specifico: Dieci giorni dato che il colloquio è previsto per il 4 luglio.

      Elimina
  3. Si aggiunga, che il "Testo Unico dei Beni Culturali" (D. lgs. 490/99) è stato ABROGATO dal "CODICE DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI" (D. lgs. 42/04)... fanno un bando e non conoscono la normativa in vigore (o quantomeno non la sanno indicare correttamente). Dire "Testo Unico" e dire "Codice" NON è la stessa cosa!
    Ma vabbé... per questo vogliono diplomati, non laureati... temono che qualcuno ne sappia più di loro e possa correggerli!

    RispondiElimina
  4. d'accordo con voi sull'idiozia della data d'uscita del concorso tuttavia credo che l'opportunità debba valere per tutti comunque... in fondo la laurea specifica dovrebbe essere un vantaggio per le conoscenze del candidato..

    RispondiElimina
  5. Ribelliamoci per onore del lavoro ! Ribelliamoci per onore alla nostra terra!

    RispondiElimina
  6. Ribelliamoci?Chi lo fa?Quel concorso va impugnato perché il livello di mansione richiesto prevede la laurea per legge....poi...terza media è il titolo richiesto e porta diritto alla prova orale?Dovrebbe arrivare al ministro Franceschini una notizia del genere...ci vogliono persone competenti,ne va della faccia della nostra città!

    RispondiElimina
  7. Gentili utenti,
    mi unisco allo sdegno di chi ha investito anni della propria vita per qualificarsi al meglio, per poi essere offeso da simili bandi di concorso.

    Tuttavia, le chiacchiere stanno a zero; l'indignazione, la nausea e le esortazioni a vergognarsi hanno effetto zero sul problema.

    L'unica cosa da fare,in questo, come in altri casi simili è incaricare un avvocato esperto che setacci il suddetto Bando di Concorso, ne metta in evidenza le imprecisioni ed inesattezze per poi intentare una causa (o altra azione giuridica) al fine di farlo dichiarare nullo.

    Questa è l'unica strada per costringere la Provincia di Foggia ad indire un concorso serio e a norma di legge.

    RispondiElimina
  8. E a tutto ciò si aggiunga che non occorre la conoscenza delle lingue straniere...mi viene da ridere!!! Andrò a farmi un bel giretto all'info point x sbellicarmi dal ridere...

    RispondiElimina

I commenti offensivi saranno cancellati