Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Gli anarchici garganici di fine '800 in "Non più caste, Carmelo Palladino e la Prima Internazionale"


di Leonarda Crisetti
 
L’avvocato Carmelo Palladino nativo di Cagnano Varano (FG) è un personaggio storico singolare, perché il suo percorso non si è casualmente o solamente incrociato con quello di significativi personaggi della storia del socialismo europeo e mondiale - Engels, Marx, Bakunin, Malatesta, Cafiero, Costa, Covelli, Merlino – ma ha concorso alla determinazione degli eventi postunitari, tra cui spiccano la nascita del movimento socialista nel Mezzogiorno, la scissione del socialismo nelle correnti legalitaria e antiautoritaria, l’approdo dei libertari all’anarco-comunismo, il progetto di rinascita dell’Internazionale nel Mezzogiorno d’Italia. Il ruolo dell’avvocato nell’A.I.L [Associazione Internazionale dei Lavoratori] non è stato perciò affatto gregario. Credo pertanto che, per avere partecipato - e in certi momenti pilotato - gli eventi internazionali, Carmelo Palladino meriti di essere qualificato a ragione cittadino del mondo e per avere avuto a cuore il benessere individuale e sociale dell’umanità abbia le carte giuste per essere annoverato tra i primi socialisti umanitari. Il senso di Non più caste- titolo che si radica su un saggio dell’avvocato pubblicato interamente nel libro e sulla logica egualitaria che lo attraversa -  sta nel recupero della memoria del personaggio protagonista di questo lavoro e, per suo tramite, di un quarto di secolo di storia postunitaria di cui i manuali di storia tacciono e, quelli che ne parlano, assumono in genere il punto di vista della storiografia marxista. 
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

1 commento:

I commenti offensivi saranno cancellati