Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Volete costruire un hotel abusivo? Sul Gargano potete, avanti il prossimo

Avanti il prossimo.

--

Assolti con formula piena perché il fatto non sussiste. I giudici del tribunale di Foggia hanno assolto le cinque persone indagate perché avrebbero realizzato una struttura turistica, un residence, senza alcun permesso previsto dalla legge. Assolti, dunque, Francesco Paolo Moschella, amministratore unico della Il Porto srl, ditta appaltatrice dei lavori e legale rappresentante della Zanasi e Moschella srl, esecutrice delle opere edili; Eliseo Antonio Zanasi, direttore tecnico della Zanasi e Moschella; Federico Erminio Moschella, direttore dei lavori; Matteo Michele Piemontese e Giuseppe Tomaiuolo, che si sono succeduti alla guida dell’ufficio tecnico comunale di Mattinata. Una inchiesta che aveva suscitato un grande clamore, anche perché tra le persone coinvolte vi era Eliseo Zanasi all’epoca dei fatti presidente della Camera di Commercio di Foggia e uomo di punta in Confindustria. Secondo la tesi dell’accusa i cinque avrebbero realizzato una struttura turistica sventrando una montagna e senza alcun permesso di quelli previsti dalla legge, “completamente modificando – era la tesi dell’accusa - l’orografia del territorio”. Il residence in questione è il Porto, struttura a quattro stelle in contrada Prencipe, a due chilometri da Mattinata di 70mila metri quadrati del valore di circa 24milioni di euro, inaugurato nel 2012. Secondo la tesi dell’accusa gli indagati avrebbero realizzato il complesso modificando il progetto originario che, il 31 ottobre 2005 aveva ottenuto un regolare permesso dal Comune di Mattinata. Le autorizzazioni paesaggistiche però erano scadute, come prevede la legge, dopo cinque anni e non erano mai state rinnovate. Inoltre i permessi sarebbero stati rilasciati senza l’autorizzazione paesaggistica del Comune, senza il parere del Parco Nazionale del Gargano e della Soprintendenza per i beni archeologici. Questa era la tesi dell’accusa che però non ha retto davanti ai giudici del tribunale di Foggia che hanno assolto con formula piena i cinque accogliendo, dunque, l’impianto difensivo portato avanti dai legali degli imputati tra cui il professor Franco Scopa, e gli avvocati Pasquale Medina e Raul Pellegrini.


Fonte Ondaradio.info

Notizie precedenti sull'abuso dell'Hotel il Porto a Mattinata:
Link Statoquotidiano (non più funzionante al 1/10/2016)
Versione in cache google del link di statoquotidiano
Notizia su FoggiaToday 


Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Nessun commento:

I commenti offensivi saranno cancellati